Bram Stoker: “Dracula”


Avevo sempre evitato di leggere Dracula, forse suggestionata dai film che periodicamente passano in tv su vampiri, zombie ecc. È un genere che cerco di evitare accuratamente, non tanto perché mi fanno paura, ma perché li trovo assolutamente improbabili e noiosamente truculenti.

Poi vengo sollecitata a leggere un classico, probabilmente il primo, e capostipite, di tutti i libi sui “non-morti”. Un leggero fastidio, poi mi decido.

Sono incuriosita dalla sollecitazione di lettura: si tratta di un romanzo costruito in modo particolarissimo, originale e strutturato attraverso più voci che si intrecciano messe sulla pagina attraverso lettere, diari, appunti e messaggi. Un pot pourri di scritture che si intrecciano a formare una trama che si dipana nel tempo e nelle sensazioni dei vari personaggi che si alternano nella narrazione.

Veramente geniale, non ne so abbastanza per dire che forse era la prima volta che ciò avveniva, ma in questo modo l’autore -Bram Soker- è riuscito a farne un romanzo corale che difficilmente avrebbe avuto la stessa forza.

La storia è quella del conte Dracula, vampiro di Transilvania che decide di trasferirsi a Londra per ampliare il suo territorio di caccia.

Sollecita un avvocato londinese perché gli vengano portati i documenti necessari a concludere l’acquisto di una proprietà. L’avvocato manda in sua vece il giovane sostituto che ben presto si trova di fronte alle stranezze di un ospite molto particolare.

La storia si svolge tra il maggio e il novembre di uno stesso anno e dopo varie peripezie, la morte di una fanciulla, il tentativo di vampirizzarne una seconda il romanzo si conclude con il trionfo dei buoni e la morte del conte vampiro. Il libro è un classico, sulle librerie dai primi del 1900, non rivelo nulla che non si sappia ampiamente.

Pensavo che leggendo mi sarei sentita turbata e impaurita alle descrizioni degli agguati per suggere il sangue delle vittime. Il sistema è quello che tutti conosciamo: un bel morso sul collo con i canini che penetrano nella giugulare e relativa fuoriuscita di sangue giovane e fresco.

Invece no, la lettura lascia spazio all’immaginazione ma mai le scene vengono rese truculente o con grande suspence come immagino possano essere rese sullo schermo. I fatti accadono, sono descritti all’inizio con incredulità e poi col desiderio di salvare le povere fanciulle prese di mira.

C’è da dire che lo stile è un po’ aulico e stereotipato, il linguaggio quello di fine ottocento, forbito e poco credibile ai giorni nostri. Immagino che la mia copia abbia anche una traduzione un po’ vecchiotta perché il linguaggio del medico olandese è decisamente poco credibile. Si vuole rendere il testo come pronunciato da uno straniero che non parla inglese e lo si fa diventare ridicolo, per la sintassi usata che sembra più quella di un vu-cumprà che quella di uno scienziato. 

A parte questo il romanzo scorre via velocemente specialmente nella prima parte, rallenta un po’ nel finale per poi chiudersi precipitosamente con la morte del Conte.

Sono interessanti, a cornice della vicenda principale, le storie d’amore delle due fanciulle, una a lieto fine e una tragica con i giovanotti intrepidi che le affiancano nella caccia al mostro che vuole colonizzare di vampiri l’Inghilterra. 

Insomma un testo divertente tutto sommato, per niente pauroso, piacevole da leggere e istruttivo nelle sua struttura che ci insegna come le voci dei protagonisti possono intrecciarsi fra di loro a farne un romanzo corale.

Punti di vista diversi, pensieri diversi, sensazioni diverse che come un mosaico vanno a costruire un quadro che prende vita. Naturalmente l’unica voce che non si sente è quella del Conte, lui si limita a succhiare e nutrirsi del sangue delle sue vittime.

A proposito esistono numerose versioni e numerose edizioni del libro. Io l’ho letto in digitale su Kindle, oltretutto molto economico rispetto alla versione in carta: 1 euro e 49 rispetto ai circa 10 euro di alcune edizioni, con la possibilità di leggero anche con l’abbonamento KindleUnlimited.

Per acquistare il libro con copertina flessibile a 9,50 €


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d